Nebulosa Blu
cm 120×100
tecnica mista su tela con Led
2017
1.100€

linette1

Anna Paglia (Reggio Emilia  – Italy) nata a Castelnovo ne’ Monti, ha trascorso parte della sua vita a Genova.
Vive e lavora a Cavola di Toano. Nel  2002 incontra il poeta musicista Marcel e inizia una collaborazione che porta alla fondazione della  Galleria d’Arte Metamorfosi di Reggio Emilia. Galleria che ben presto diviene punto d’incontro di intellettuali, artisti e critici. Tra esposizioni e riflessioni sui vari movimenti d’arte, nel 2004 l’attenzione si concentra sul concetto filosofico del “Surrazionale”, ripreso e ulteriormente rielaborato dallo storico Franco Canova, dalla stessa Anna Paglia, dal simbolista Paolo Navale e dal musicista Marcel Cadoni, ideatore del concetto stesso. Nell’aprile 2010 insieme a Franco Canova e Marcel Cadoni, fonda ufficialmente il “Movimento Surrazionale” al quale aderiscono pittori, scultori e artisti vari (poeti, scrittori, registi) che iniziano a lavorare per un progetto comune,  ispirato dalla filosofia Surrazionale con riferimenti al Filosofo Francese Gaston Bachelard (1884 – 1962) si è concretizzato con un seminario a lui dedicato, nell’Aula Magna dell’Università di Modena e Reggio Emilia, e un’esposizione opere create dagli artisti, nelle sale di Palazzo Casotti, col patrocinio dell’assessorato alla cultura e ai progetti speciali del Comune di Reggio Emilia. Le sue opere spaziano dal figurativo (nature morte, paesaggi, volti e figure) all’informale (grandi tele materiche dense di simbologie e poesie graffite), sino alle Sculturine Surrazionali  (assemblaggio di materiali di recupero). La recente produzione dell’artista si caratterizza per una spiccata matericità, abbinata all’uso di Led luminosi che punteggiano la tela nella loro distribuzione sintagmatica. Opere che, come spiega l’artista: «Accogliendo il passato nel presente, si proiettano al futuro». Dopo la fondazione del Movimento Surrazionale (2010), la prima mostra a Palazzo Casotti (2011) e il convegno di studi all’Università di Modena e Reggio Emilia (2011), la personale di Anna Paglia segna un ulteriore passo avanti nell’approfondimento della poetica surrazionale, termine utilizzato dal filosofo francese Gaston Bachelard per indicare ciò che supera la ragione e la razionalità. Come scrive, infatti, Franco Canova «Il sogno, la rêverie […] hanno dato impulso ad una creatività basata sull’annullamento dei principi acquisiti, su uno svuotamento dell’anima, l’azzeramento delle precedenti esperienze».
«Opere impastate di terra e cielo – conclude Marzio Dall’Acqua – di un cielo così immenso da diventare fantastica atmosfera, umore, vapore e scintillanti presenze […]. Siamo librati in regioni inesplorate, percorse dalla fantasia dell’occhio e dell’animo, in una specie di ascesi, di salita laica, fatta di emozioni, di sensazioni, di un perdersi nell’infinito con ottimistica disponibilità e con totale abbandono». Ha al suo attivo numerose mostre in Italia e all’estero.  Due suoi Trittici, raffiguranti rispettivamente il Cristo della Trasfigurazione e il Cristo della Misericordia che emergono dai suoi universi luminosi, sono  collocati, il primo: nella attuale Chiesa Parrocchiale di Reggiolo (RE), il secondo nella suggestiva Chiesa della “Misericordia” nel Complesso Parrocchiale Rosmini di Porto Palo Capo Passero prov. Di Siracusa.

linette2

Vote for this artwork! Please click Facebook likeTwitter, Pinterest and Google plus
Vota questa opera! Clicca Mi piace su FacebookTwitter, Pinterest e Google plus

biancoscuro art contest - biancoscuro art magazine