Quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia
50 x 70
olio su tela
2014
1000 €

linette1

Ferdinando Ragni (Cagliari  – Italy), nasce a Collamato, un paesino dell’entroterra marchigiano, alle falde dei monti Appennini, nel 1943.
Sin da bambino mostra la sua passione e le sue capacità artistiche, disegnando con pezzi di carbone sui muri della casa del nonno, paesaggi e personaggi fantastici. Già nelle scuole elementari partecipa a piccoli concorsi locali e vince un primo premio per aver illustrato un racconto del Libro Cuore. Frequenta l’Istituto Tecnico Industriale di Fabriano e una volta diplomato, lavora prima a Milano poi si trasferisce, sempre per lavoro, in Somalia a Mogadiscio.
Le atmosfere africane e gli straordinari tramonti, risvegliano in lui la vecchia passione, tra l’altro mai sopita per il disegno e la pittura. L’incontro con l’arte del pittore Bruno Disopra lo stimola a presentare la sua prima personale all’Italian Club di Mogadiscio. Sempre in Somalia partecipa a varie manifestazioni artistiche vincendo premi e con l’esposizione permanente delle sue opere alla S.M.O. di Mogadiscio
Rientrato in Italia si trasferisce in Sardegna dove lavora come agente di commercio. Le splendide coste, gli aspri paesaggi interni, le rocce, gli alberi contorti dal vento, gli fanno amare questa terra così bella e così diversa. In una mostra collettiva a Cagliari, conosce il maestro Fantini che lo stimola a continuare la strada intrapresa e a perfezionare la sua tecnica.
Essendo autodidatta e sempre alla ricerca della perfezione si cimenta nella riproduzione dei maestri del passato con ottimo successo.
Partecipa a vari concorsi, nazionali e internazionali con premi e riconoscimenti. La sua pittura figurativa esprime la poesia della natura e l’arte della realtà che ci circonda.
Guardando le sue opere si entra in contatto con le emozioni più profonde, dove le immagini coinvolgono lo stato d’animo dell’osservatore in un senso di avvolgente serenità.

linette2

Vote for this artwork! Please click Facebook likeTwitter, Pinterest and Google plus
Vota questa opera! Clicca Mi piace su FacebookTwitter, Pinterest e Google plus