Quel tormentato sogno di unità
56×70
tecnica mista su pannello ligneo
2011

Vote for this artwork! Please click Facebook likeTwitter, Pinterest and Google plus
Vota questa opera! Clicca Mi piace su FacebookTwitter, Pinterest e Google plus

linette1

Walter Accigliaro  (Cuneo  – Italy) , è nato ad Alba (CN) nel 1950. Lì ancora risiede ed ha il proprio studio. La sua formazione artistica è prettamente torinese. Ha studiato al Liceo Artistico Statale di Torino ed all’Accademia Albertina delle Belle Arti (avendo principalmente come insegnanti Paulucci, Saroni, Calandri e Franco), fino al 1973. Dal 1980 al 2007 è stato docente di Discipline Pittoriche all’Istituto Statale d’Arte di Asti. Nel 2007 ha tenuto alcune lezioni all’Accademia di Belle Arti a Cuneo. Svolge parallele attività di pittore e grafico, nonché di ricercatore e studioso del patrimonio storico-artistico di Alba, delle Langhe, del Roero. Nel settore dei beni culturali ha pubblicato svariati saggi e numerose opere editoriali, curando pure mostre qualificate e svolgendo consulenza specifica per istituzioni pubbliche.
Nell’ambito espressivo (dapprima avviato nella pittura d’impegno sociale, dal 1971 nell’astrattismo lirico, dagli anni ’80 articolato nel neoinformale “caldo” e “freddo”, poi dal 2000 nell’emblematica ricerca aniconica) Accigliaro ha allestito o partecipato a molte esposizioni collettive principalmente dal 1969, nonché numerose mostre personali dal 1974 in Italia (a Torino, a Roma, Acqui Terme, Alba, Mondovì, ad Asti, Barolo, Albissola, Bologna ecc.) ed all’estero (Parigi 1985, Muntelier 2005) documentate in cataloghi, riviste d’arte e dvd. Critici, studiosi e giornalisti si sono occupati della sua ricerca espressiva nel coerente, concettoso sviluppo temporale. Fra vari altri, sono da segnalare: Luca Beatrice, Miche Berra, Silvia Bottaro, Roberto Baravalle, Maria Teresa Barolo, Giovanni Cordero, Edoardo Di Mauro, Massimo Centini, Roberto Margara, Angelo Mistrangelo, Franchino Falsetti, Ivana Mulatero, Clizia Orlando, Maria Teresa Palitta, Carlo Pellegrino, Francesco Poli, Elisabetta Tolosano, Cinzia Tesio, Beniamino Vizzini. Dagli anni ’70 Accigliaro ha avuto modo di illustrare copertine di opere editoriali, di realizzare manifesti per iniziative pubbliche, di illustrare le copertine di un disco in vinile e di un cd-dvd. Dal 1974 al 2008 egli ha elaborato stampe d’incisione, litografie per cartelle di grafica personali o collettive. Nel 1987-88 ha pure sperimentato la ceramica ad Albissola Marina (SV).
Fra le numerose, svariate partecipazioni a qualificate esposizioni collettive e di gruppo in Italia ed all’estero (Francia, Svizzera, Germania, Stati Uniti, Canada, Messico, Hong Kong, Malta, Repubblica Ceca, Svezia Spagna ecc.) alle quali egli ha preso parte, particolarmente va segnalata nel 2011 un’opera alla 54.a Biennale internazionale d’Arte di Venezia, nella sezione del Padiglione Italia (Lo stato dell’arte. Il Piemonte, a cura di Vittorio Sgarbi) decentrata a Saluzzo e lì curata da Sergio Anelli. Nel 2012 un suo dipinto è stato esposto alla 5.a Biennale d’Arte di Montecarlo e nel 2013 un altro alla 1.a Biennale d’Arte internazionale di Palermo. Tra le sue partecipazioni più recenti sono da segnalare: le installazioni nel 2012 nello Studio di Lucio Fontana ad Albissola Marina (nell’ambito di una sua mostra personale), nello stesso anno un’opera esposta nella mostra Il ritorno di “Antiluna”. Omaggio a Pinot Gallizio nella Galleria Civica d’Arte Moderna a Torre Pellice (TO), un’altra è inserita nel 2013 alla I edizione delle “Settimane italiane” a Köping in Svezia; nello stesso anno è realizzato un suo allestimento espositivo in una saletta correlata all’Art Gallery “La luna” di Borgo San Dalmazzo (CN).
Nel 2015 si segnala la sua presenza nella rassegna internazionale d’arte “Le tre SSS: simboli, segni e sogni”, allestita nel complesso dei Dioscuri del Quirinale a Roma. Due anni prima, nel 2013, un suo dipinto viene presentato alla Fiera “Arte Cremona” dalla “Passepartout Unconventional Gallery”, in collaborazione con la Galleria “Oldrado da Ponte” di Lodi. Alla stessa rassegna fieristica egli ha partecipato nel 2016 con l’Art Gallery “La luna”. Sempre nel 2016, va segnalata la presenza di una sua opera alla rassegna d’arte contemporanea “ArtExpo May Barcelona” nella Galleria d’arte “Espal Ku” a Barcellona. A Cuneo (oltre la sua personale allestita nel 1980 nella sede dell’Ordine provinciale degli Architetti) Accigliaro ha preso parte ad importanti mostre di gruppo o collettive: nel 1993 (nell’esposizione “Ai confini dell’impero”), poi dal 2006 al 2017 (esposizioni alla Fondazione Delfino, in Palazzo Samone, nella chiesa di S. Francesco ecc.). Considerevoli sono pure tre esposizioni di gruppo, con varie sue opere, in qualificate sedi pubbliche: “La musa inquieta” nel 2002 nel Battistero di S. Pietro ad Asti; “Pentameter. Esperienze aniconiche dagli anni ’60 ad oggi” nel 2011 in Palazzo Salmatoris a Cherasco (CN); “I colori della resilienza” nel 2013 in Palazzo Lomellini a Carmagnola (TO).
In Liguria egli è stato annualmente presente in diverse rassegne qualificate (ad Albenga, Savona, Cervo, Garlenda, Finale Ligure, Quiliano, ad Alassio, Genova ecc.), fra le quali vanno rimarcate: nel 2003 la mostra itinerante “Il sogno di Aleramo. Artisti contemporanei nel Basso Piemonte e nella Liguria di Ponente” nell’ex Chiesa Anglicana ad Alassio, nel 2007 la mostra di gruppo “Nuovi protocolli dell’astrazione” a Palazzo Stella di Genova, nel 2013 la rassegna collettiva “Rewind” nel complesso di S. Caterina a Finale Ligure, nel 2015 una sua opera nell’esposizione collettiva “Ulisse ’69. Il desiderio della scoperta” nella Fortezza del Priamar a Savona, ancora nel 2015 un’opera esposta nella Biennale internazionale d’Arte a Genova, nel 2017 un’opera nella mostra “Le città invisibili” (omaggio ad Italo Calvino) nel Palazzo Oddo di Albenga (SV)
Dal 2006 fa parte del gruppo di artisti “Pentameter”. Inoltre, da vario tempo egli partecipa ad iniziative di mail-art in Italia. Opere di Accigliaro sono in collezioni private e sedi pubbliche (Acqui Terme, Alba, Asti, Barolo, Bergolo, Cuneo, Muntelier, Sinio, Torre Pellice). Attualmente le Gallerie d’arte di riferimento per suoi lavori sono: Art Gallery “La luna” a Borgo San Dalmazzo (CN), Galleria “Angelo Galeasso” ad Alba (CN).

linette2

Vote for this artwork! Please click Facebook likeTwitter, Pinterest and Google plus
Vota questa opera! Clicca Mi piace su FacebookTwitter, Pinterest e Google plus